Pubblicato il

Sei regole per una zona giorno perfetta. Capitolo 5

RigolettoA770_1

Divano in pelle o tessuto, pelle fiore o pelle nabuk, pelle o finta pelle…

Tessuto cotone o sintetico, antimacchia o sempilce, lavabile a mano o a secco,

con chaise longue o normale, lineare o ad angolo, curvo o squadrato, morbido o duro,

alto o basso, sfoderabile o fisso, a letto oppure no, economico o costoso, colorato o bianco, tinta unita o a fantasia, bracciolo stretto o bracciolo largo…

bracciolo alto o basso, attrezzato o semplice…divanipiuma o poliuretano, classico o moderno, effetto vissuto o precisino, tutto in tessuto o con parti in legno, con piedi alti o pieno fino a terra, schienale fisso o reclinabile, con o senza meccanismo, seduta stretta o profonda, leggero o pesante, sedute intere o divise, cuscini monoscocca o sfilabili, di marca o no name…

made in Italy o in Cina, struttura interna in legno o truciolato, piedi in acciaio o legno, a vista o a scomparsa,  fissi o con ruote, capitonnè o semplice, a pozzetto o no, pieno di cuscini volanti o secco, molle o cinghie elastiche… un attimo sto rifiatando…

se le conti sono esattamente 40 possibili alternative che incrociate tra di loro e moltiplicate per tutte le varianti di pelle o tessuto fanno migliaia, forse milioni di divani ed io non ho nessuna intenzione di imbarcarmi nell’impresa di spiegare le differenze tra di essi.

 

Il bello è che tutte queste differenze i clienti non le vedono e spesso finiscono per comprare quelli che costano meno così che divani da quattro soldi spacciati per artigianali vengono venduti a tonnellate e i fabbricanti di prodotti di qualità vengono decimati.

Quindi quale divano acquistare?

Innanzitutto è importante inquadrare la combinazione corretta in base allo spazio disponibile dopodichè posso darti qualche dritta:

  • Non vi sono schemi fissi. Puoi inserire qualsiasi combinazione tipo “due posti+3posti”;”3posti+3posti”, e ancora 3+2+1; 3+1+1 eccetera eccetera.
  • Nel caso di chaise longue evita di farla per piccole composizione perchè risulta molto scomoda. Se ad esempio disponi di uno spazio di cm 270 è preferibile l’inserimento di un pouf che all’occorrenza puoi spostare.divano chaise longue divano chaise longue 2in pratica ottieni lo stesso effetto estetico ma hai la possibilità di far sedere più persone o di far distendere le gambe a più persone.
  • Se devi inserire un solo divano scegli quelli con braccioli laterali sottili perchè a parità di dimensioni aumenta la seduta disponibile.
Domingo.Home_.Divanisofa_ARAKI31
ARAKI DOMINGO
  • Se ti piace l’idea di un divano ad angolo accertati di disporre di spazio a sufficienza. Spesso mi è capitato di soccorrere clienti che, innamoratisi in qualche fiera di soluzioni ad angolo magari in offerta, hanno colmato tutto lo spazio a disposizione e a malapena ci entravano loro stessi in casa. Mi capita spesso di ridimensionare le aspettative di clienti che credono di poter mettere divani come questo Domingo.Home_.Divanisofa_DOYLE2

in spazi in cui a malapena ci entrava un tre posti e spesso non è facile convincerli.

  • La comodità è soggettiva, dipende da tanti fattori come ad esempio l’altezza. Se sei alto è preferibile una seduta più profonda e viceversa.
  • Se devi inserire un divano a centro stanza assicurati che sia bello da vedere da dietro. Ci sono anche soluzioni con librerie incorporate che rendono il retro interessante.Domingo.Home_.Divanisofa_DOYLE16
  • Se il divano che hai scelto ti viene proposto anche nella versione letto non optare per questa soluzione se non è strettamente necessario perchè il letto rende il divano pesantissimo e spesso anche meno comodo nella seduta.
  • Se ti piace l’effetto un pò vissuto e l’aspetto comodoso opta per l’imbottitura in misto piuma.Domingo.Home_.Divanisofa_BRESSON2
  • Se ti piace la pelle ma un tuo amico ti ha detto che è fredda d’inverno e calda d’estate, fa sedere il tuo amico su un divano in pelle di qualità e vedrai che cambierà idea.
    nabucco01_p23_770
    Nabucco Cierre

     

  • Se opti per un divano di linea classica in tessuto, probabilmente lo troverai non sfoderabile. Ci sono anche quelli sfoderabili, devi solo cercarlo e se non dovessi trovarlo cerca di capire come lo dovrai pulire.
  • Porta con te un campione del pavimento o meglio ancora porta un campione di pelle o tessuto a casa e scegli il colore giusto solo contestualizzando il tutto.

Un mio lettore dopo aver letto il primo capitolo di questa serie dedicata alla zona giorno, ha commentato che il protagonista assoluto della zona giorno è il divano.

Probabilmente avrai male interpretato la regola del “fulcro” che riguarda solo l’importanza di alcuni elementi nella disposizione ma caro lettore sono pienamente d’accordo con te perchè in fondo… che zona giorno sarebbe senza divani?

Michele De Biase.

CAPITOLO 1

CAPITOLO2

CAPITOLO3

CAPITOLO4

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

4 pensieri su “Sei regole per una zona giorno perfetta. Capitolo 5

  1. Veramente intelligente, istruttivo e .. . divertentissimo!
    Un grazie particolare per le indicazioni “piú tecniche”, come le varie scale, preziose per noi – non del mestiere – nel tentare di affrontare i problemi di arredamento delle nostre case con qualche chance in piú di riuscita !

  2. Che dire? un “prego” particolare per il commento frizzante e graditissimo!

  3. mamma mia, non ci avevo mai pensato che anche per i divani… si apre un mondo!
    Come mi piacerebbe avere una grande zona giorno dove poter mettere al centro un gran divano, alto e comodo, e reclinabile…
    al momento mi tengo il vecchio divano ikea, 2 posti, rosso, basso e comprato scontato…. che fra un pò sento le molle sotto il sedere!
    Ma leggendo i tuoi consigli fantastico un po’… ciao

  4. Ahahahah! Grande Carla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.