Pubblicato il

Come appendere i quadri alle pareti

doppia croceDopo tutte le liti fatte con mia moglie su come e dove appendere i quadri alle pareti di casa mi sembra doveroso darti delle indicazioni utili su come farlo per bene… in modo da non litigare con il tuo partner.

Devo però fare una distinzione tra quadri estetici ed opere d’arte.

I quadri estetici sono riproduzioni, stampe, fotografie, poster, scarabocchi e tutto ciò che nasce con l’obiettivo di arredare una parete.

Le opere d’arte credo che non abbiano bisogno di presentazione.

Mi occuperò in questo articolo soprattutto della prima categoria lasciando al tuo gallerista di fiducia l’onere di suggerirti il modo migliore di collocare la tua opera d’arte in casa tua.

Ecco i capitoli di questo articolo:

LA PROPORZIONE

LA PROSPETTIVA

L’ORDINE

LA COERENZA

Qualche suggerimento prima di entrare nel cuore dell’articolo:

  • posiziona il chiodo in modo perpendicolare rispetto al muro per evitare di rompere l’intonaco, quindi evita di inclinarlo obliquamente come certamente hai pensato di fare!

    chiodo
    immagine presa dal web
  • segna con una matita il punto preciso prima di rompere!
  • fidati più degli occhi che del metro e della livella.
  • predisponi una corretta illuminazione dall’alto con una inclinazione di 30°.
  • evita di posizionare i quadri più pregiati dove vi è una prolungata esposizione alla luce solare.

 

LA PROPORZIONE

vitruviano

I quadri vanno proporzionati agli ambienti e alle pareti.

 

Mi è capitato di vedere in soggiorni enormi dei tristissimi piccoli quadri che gridavano “c’è nessuno?”. Dispersi nel deserto cercavano un’anima gemella e spesso sono andato in loro soccorso prima che morissero di agorafobia.gioconda

 

 

 

 

Stessa storia nei corridoi con quadri enormi che non riuscivo nemmeno a guardare per intero perché impossibilitato a trovare il giusto punto di osservazione.

quadro corridoio

 

 

 

E cosa dire della madonnina 50×50 come sfondo del letto matrimoniale?

 

E quei quadretti ricevuti in regalo in chissà quale triste evento fatti su lastre in oro o argento o vero o finto che sia, messi in coppia con un occhio a Cristo e l’altro a San Giovanni?(frase usata dal grande Camilleri per indicare uno strabico).

marty-feldman

 

 

 

 

Insomma cerca di attivare il tuo senso delle proporzioni e se non disponi di quadri delle giuste dimensioni per pareti grandi allora assembla i piccoli quadri ma in modo tale da simulare un quadro più grande o comunque accostali con criterio come puoi vedere in queste immagini.

quadri linea centrale quadri 3

 

Nel primo caso il criterio è la linea centrale immaginaria che fa da spartiacque tra i quadri superiori e quelli inferiori.

Nel secondo case la linea è perimetrale quasi a simulare un quadro più grande.

Ma tu puoi scegliere altre combinazioni tipo un quadrato grande, due quadrati uguali, la linea centrale verticale, una croce centrale eccetera eccetera.

 

LA PROSPETTIVA

Se sei un mio lettore fisso e mi segui avrai notato che questa della prospettiva è una mia fissa e ce la metto in molti post come il prezzemolo.

Insomma prima di fare buchi chiama qualcuno che ti aiuti e mantenendo il quadro guarda come sta  da lontano o meglio dal giusto punto di osservazione.

Se ci sono più quadri da appendere chiama più persone o trova tu il modo giusto di immaginare il tutto nel suo insieme.

Ti dico sin da ora che le regole sulle altezze e le distanze mi fanno ridere… i 5 ottavi , i due terzi, l’altezza media, l’ altezza degli occhi, 5 cm tra uno e l’altro!? ahahahah

Regole da museo o esposizione, per casa tua è un’altra storia perché hai tante altre variabili e combinazioni che non si possono prestabilire.

occhio
immagine dal web

L’unica certezza è …

l’occhio,

il tuo dei tuoi amici o parenti.

Ripeto guarda il tutto nel suo insieme e poi accendi anzi inchioda.

Se vuoi qualche chiarimento sulla legge della prospettiva ti consiglio di sciropparti  il  mio più bell’articolo Dieci regole per arredare casa o perlomeno il solo capitolo della prospettiva.

 

L’ORDINE

Devi stabilire un criterio prima di appendere i tuoi quadri.

Come ti ho già anticipato nei disegni precedenti scegli delle linee da seguire.

Una linea superiore in comune, una linea inferiore, un poligono immaginario entro il quale inserire i vari quadri, una croce insomma scegli tu in base al tuo gusto e poi sii coerente.

Non metterti a disporli in modo anarchico e se non ti piace l’ordine allora mi spieghi perché stai leggendo questo articolo?

Ecco qualche esempio.

allineati in basso
allineati in basso

quadri su divano 2 quadri su divano

 

in alto
allineati in alto
doppia croce
Dopppia croce
scala
con scala

 

Le linee che vedi possono essere immaginarie ma anche realizzate con mensole o con gli stessi mobili.

LA COERENZA

Questo è un altro mio topos.

Non mettere insieme cose che non stanno bene insieme.

Insomma va bene il patchwork ma non esagerare!

patchwork
immagine dal web

 

 

 

 

 

 

Evita di accostare fotografie a dipinti e valuta in base al proprio gusto il giusto accostamento cromatico.

Puoi affiancare i vari quadri con il criterio A-B/B-C/C-D/D-E/E-F.

Ora ti “shpieco”:

A è ad esempio un quadro con bianco e verde;

B è un quadro che ha del verde e dell’azzurro;

C è un quadro che ha dell’azzurro e del rosso;

D è un quadro che ha del rosso e del marrone;

E è un quadro che ha del marrone e del nero;

F è un quadro nero.

So’ shtat spiecat?

Questo criterio puoi usarlo anche per accostare i vari mobili negli open space (sssss è un segreto … non diffonderlo!).

Se nelle varie combinazioni c’è qualche quadro di troppo non esitare a buttarlo in cantina.

E se quello che è di troppo è della cara zia Concetta tienilo a portata di mano e tiralo fuori quando sai che potrebbe venire a farti visita ma non metterlo se ritieni che stoni con il resto(al limite provalo nel bagno).

In tutti i casi è importante fare delle simulazioni e se non riesci per ovvie ragioni a tenerli sospesi sulla parete posiziona i quadri sul pavimento e guardali nell’insieme dall’alto o comunque se non sai volare mettiti almeno un po’ distante.

Naturalmente puoi tappezzare tutta la parete senza nessun criterio e magari potresti riuscire a fare anche qualcosa di carino ma a parte qualche rara eccezione in genere i tentativi alla sanfasò ( per chi non conosce il significato e non vuole scomodarsi ad andare a consultare un dizionario napoletano significa “alla buona”) in genere non sono granché.

CAPITOLO V

Ma non erano quattro?

giusto.

Il quinto è solo per dirti che sto concludendo e che mi aspetto un sacco di critiche e di commenti … a partire dal tuo!

Michele De Biase

Michele De Biase presentazione

 

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

9 pensieri su “Come appendere i quadri alle pareti

  1. Right away I am going to do my breakfast, when having
    my breakfast coming over again to read more news.

  2. Buongiorno,
    ho letto l’articolo per caso..e non posso che farle i complimenti! Da emerita profana dell’arredamento e in cerca di qualche consiglio, ho finalmente trovato una spiegazione pratica e comprensibile a tutti.. Le faccio i complimenti perchè chi riesce ad essere così diretto e chiaro nell’esposizione è solo chi ha una profonda conoscenza della materia di cui scrive.
    Ancora complimenti.
    Ps. io ero una di quelle che si era imbattuta nelle regole da museo per la disposizione dei quadri..grazie per i suoi consigli.

  3. Grazie a lei Gina per i complimenti e per aver centrato il mio principale obiettivo, quello di rendere comprensibili a tutti regole molto complesse.

  4. Tanti ottimi spunti anche se , credo, che “esperienza” e “occhio” siano diffcili da eguagliare .
    E siccome sono doti che non possiedo, seguiro’ ancira piu” volentieri i suoi consigli. Anzi mi permetto una domanda : quadri ( quindi opere uniche) e multipli accostati come li vede ?
    Grazie .

  5. Buongiorno Anna, in generale non vedo nessun problema nell’accostarli anche se ogni caso è diverso e bisognerebbe volta per volta giudicarli in base a quell’occhio che son sicuro che ha anche lei.

  6. Buongiorno, ho letto i suoi consigli su come appendere i quadri, veramente molto utili. Nel mio caso, però, ho un dubbio: ho una parete di 4 metri e vorrei appendere tre quadri di due dimensioni differenti. Uno è lungo 88 cm e alto 68 cm, mentre gli altri hanno la seguente dimensione: lungo 90 cm e alto 70 cm.
    Preciso che su quella parete c’è un divano lungo 2 metri.
    Come potrei posizionarli?

  7. Ciao Salvatore,
    allineati sopra o allineati sotto come ho specificato
    nell’articolo.

  8. Buongiorno, ho letto l’articolo e nonostante sia meraviglioso ed utilissimo, non sono riuscita a capire come appendere i miei quadri nel soggiorno.
    Dovrei posizionare due quadri , entrambi di 140 cm, sui due lati di un divano ad angolo .
    Una parte del divano è 180 cm (poggiato ad una parete di 290 cm), poi c’è l’angolo (di 107 cm ) e poi c’è l’altro lato del divano che è 287 cm (poggiato ad una parte di 417).
    Per appenderli devo vedere il centro di ognuna delle 2 pareti (a prescindere se non è centrato il divano) o devo vedere il centro del divano (anche se poi parte della parete , specialmente quella da 417, rimane vuota )?
    Spero di ricevere presto un consiglio.
    Grazie

  9. Come ho scritto nell’articolo è importante l’occhio.
    Grazie Loredana

Rispondi