Posted on 17 commenti

Quale top in cucina? Il piano in Gres porcellanato

bijou gres
Bijou Aran

 

Avrai sentito parlare certamente di Gres Porcellanato e sicuramente lo associ al pavimento.

E’ quel materiale che spesso calpesti e maltratti,  che inondi di acqua e detersivi di varia natura,  sul quale cammini senza la necessità di mettere le pattine e che quindi non mette in difficoltà i tuoi ospiti e non ti crea disagi quando vuoi spostare senza particolari attenzioni una sedia o un mobile molto pesante ed è con questo eccellente prodotto che puoi realizzare un piano di lavoro in cucina.

Qualcuno si è preso la briga di realizzarlo di uno spessore sottilissimo (Laminam) in modo da poter essere usato sia in sovrapposizione su pavimentazioni esistenti sia, come nel nostro caso, per rivestire un supporto alleggerito e realizzare così il famoso top da cucina indistruttibile.

Indistruttibile?

Vediamo un po’:

  • Altamente resistente al calore
  • Altamente resistente agli urti
  • Altamente resistente ai graffi
  • Altamente resistente a qualsiasi tipo di usura
  • Altamente resistente nel tempo

Però…sembra davvero indistruttibile!

 

Quindi puoi appoggiarci anche la caffettiera e trascinare un piatto col fondo scheggiato!

moka

Puoi versarci olio, maionese, ketchup, aceto, caffè e pulirlo con pagliette metalliche ed usare cloro e fare insomma tutto quello che in qualche modo non può essere fatto su tutti gli altri piani di lavoro di cui ho parlato nei precedenti post!

Come ha detto signora? Se può darci una martellata?

martello-inchiodatura-chiodi

Intanto gliel’ho già detto nel post precedente che vorrei capire perché ha questa necessità poi le ripeto che no! la martellata non ce la può dare nemmeno sul gres!

Uno perché non lo so cosa accadrebbe al gres, due perché il gres è montato su un pannello di multistati che potrebbe cedere e creare comunque qualche problemino!

E le dico comunque che non può versarci l’acqua come fa sul pavimento perché ci sono i fori in corrispondenza di lavello e piano cottura oltre altri punti critici come le giunzioni e la parte posteriore dove c’è l’alzatina che se non montata alla perfezione potrebbe lasciar passare quel tanto d’acqua che basta per danneggiare il supporto del gres o gli stessi mobili.

A parte gli scherzi e qualche davvero piccola limitazione possiamo dire che questo materiale è davvero straordinario.

E’ inoltre un prodotto che si avvale di una tecnologia sostenibile e rispettosa dell’intero ecosistema, non rilascia alcuna sostanza nell’ambiente e può essere facilmente riciclato in altri cicli produttivi.

E’ quindi anche ecologico!

Puoi avere anche le ante in gres

int.pdf
Bijou Aran

int.pdf

e sono disponibili moltissimi colori.

A differenza del piano piastrellato che può essere anche in gres, questa soluzione non presenta fughe ed è quindi molto più facile da pulire.

I costi sono allineati ad i piani più costosi.

Come avevo promesso sin dal primo articolo sul top in laminato ho completato la serie di articoli sui vari top consapevole che vi sono ancora almeno una decina di altri materiali di cui non ho nessuna intenzione di parlare nei prossimi articoli anche perché ho voglia di parlare di altro ed affrontare altri argomenti.

Se sei interessato ad approfondire l’argomento puoi leggere gli altri articoli andando alla categoria “Top Cucina”.

Ti saluto invitandoti a lasciare un commento per le seguenti ragioni:

  1. I commenti mi stimolano
  2. I commenti mi fanno crescere
  3. I commenti mi confermano che va tutto bene
  4. I commenti aumentano l’indicizzazione del sito!

Grazie in anticipo!

Michele De Biase

 

SEI RAGIONI PER COMPRARE DA NOI LA TUA CUCINA

Contattaci per ulteriori informazioni

Tel. 080 432.2960

linea3arredamenti@linea3arredamenti.it

Michele De Biase presentazione

 

Lineatre Arredanmenti

Alberobello Bari

 

 

 

 

 

Posted on 2 commenti

Quale top in cucina? Il piano in acciaio.

VOGUE-BINOVA-27
BINOVA

 

Non vi è nessun altro materiale sul quale vi siano pareri tanto discordanti.

Vi sono tanti appassionati dell’acciaio ed altrettanti detrattori e se li mettessi a confronto sono certo che mi divertirei un mondo!

Ecco alcune considerazioni tipo fatte dalle due opposte categorie:

Amante:

  • adoro l’acciaio è così luminoso!
  • si pulisce con facilità!
  • l’acciaio è eterno!
  • l’acciaio è il materiale più igienico!
  • l’acciaio è così moderno!
  • mi piace così tanto che vorrei anche le ante in acciaio!

Detrattore:

  • odio l’acciaio! Rende tutto più freddo!
  • è impossibile pulirlo perfettamente!
  • si graffia ed io odio i graffi!
  • restano sempre gli aloni!
  • dopo un po’ sembra vecchio!
  • va bene solo con il moderno, con il classico non ce lo vedo!

 

E tu da che parte stai?Mi piacerebbe un tuo commento giusto per abbozzare una piccola statistica.

Da parte mia posso solo dare qualche informazione tecnica e contribuire con il mio parere personale a far partire questa indagine.

Informazioni tecniche. Vi sono vari spessori e varie tipologie di acciaio che cambiano in base alla combinazione chimica dei materiali utilizzati. Senza entrare nello specifico per non annoiarti è probabile che alcune esperienze negative siano dovute all’utilizzo di un acciaio scadente.

L’acciaio più usato è il famoso 18/10 scoperto nel 1913 che indica la percentuale di Cromo che lo rende inossidabile e Nichel che ne migliora la resistenza.

Detto ciò di oggettivo c’è che l’acciaio è molto resistente ed affidabile, è il materiale più igienico in assoluto, è il più duraturo ed è perfetto nel moderno ed indispensabile in alcuni stili come l’Industrial o il Professional.

VOGUE-BINOVA (1)-29
BINOVA
MINACCIOLO
MINACCIOLO
DIESEL SCAVOLINI
DIESEL SCAVOLINI

 

E’ anche vero che si graffia con facilità e che si macchia con il calcare.

Vero anche che il cloro se ristagna può ossidare la superficie e che possono apparire aloni se vi sono stati contatti prolungati con sostanze corrosive.

Per i graffi “nun se pò fa nnente” per cui se non li sopporti lascia perdere l’acciaio.

Per tutto il resto basta fare un pochino di attenzione, per la pulizia ordinaria usare l’aceto e per le macchie più tenaci acquistare prodotti idonei per la pulizia dell’acciaio.

E’ importante strofinare lievemente  seguendo il verso della lucidatura e risciacquare sempre abbondantemente evitando naturalmente di usare pagliette metalliche e sostanze abrasive come i detersivi in polvere.

Ridurre il più possibile l’uso della candeggina.

Sono disponibili diversi spessori di top in acciaio e varie finiture: lucido, satinato, spazzolato, effetto peltro, antichizzato, martellato…

Sono possibili anche piani interi con  lavello e piano cottura integrati

FOSTER
FOSTER

e se proprio ti sei appassionato all’acciaio esiste anche la possibilità di acquistare una cucina completamente in acciaio,

ernestomeda
ernestomeda
euromobil
euromobil

 

Niente male vero?

Linee semplici e di grande raffinatezza.

Percezione immediata di professionalità e design.

Come avete visto nelle immagini precedenti l’acciaio va bene anche con modellistica tradizionale e finalmente è stato rimosso il dogma “Classico-ottone-ceramica-rame-bronzato” “Moderno-acciaio” nel senso che ci si è resi conto che una cucina tradizionale sta benissimo anche con maniglie ed elettrodomestici in acciaio e quindi anche con un piano in acciaio.

Per gli incontentabili, quelli che mi chiedono ” ma se gli do una martellata che succede?”, quelli a cui rispondo” mi spiega perché dovrebbe prendere a martellate il suo top?”, quelli che insistono sulla ricerca di un piano indistruttibile, quelli a cui ho risposto più volte che di indistruttibile non c’è niente, quelli che non mi credono e continuano a cercare prodotti miracolosi…    Il trono di spade     per loro ho commissionato un acciaio speciale direttamente dalla famiglia Stark di Grand’Inverno che fonderanno proprio per loro, le spade realizzate con acciaio di  Valyria per realizzare il “Top che non c’è”!

Al prossimo top da cucina!

Michele De Biase

Lineatre Arredamenti.

Alberobello Bari

Il trono di spade

 

SEI RAGIONI PER COMPRARE DA NOI LA TUA CUCINA

Contattaci per ulteriori informazioni

Tel. 080 432.2960

linea3arredamenti@linea3arredamenti.it

 

Posted on 5 commenti

Quale top in cucina? I piani Corian

Cucina Origami di Amr Helmy Designs, design Karim Rashid; foto Amr Helmy Designs
Cucina Origami di Amr Helmy Designs, design Karim Rashid; foto Amr Helmy Designs

 

In questo quarto capitolo sui piani di lavoro parlerò del  Corian®, un raffinatissimo composto a base di resina e sostanze minerali il cui componente principale è ricavato dalla bauxite (da cui si ricava l’alluminio).

Prima di avventurarmi nella sua descrizione è bene che io metta subito in evidenza l’elemento differenziante più importante del Corian rispetto agli altri materiali ed è la sua “continuità” nel senso che nella composizione finale non ci sono giunzioni e può essere integrato persino il lavello.

ROSSANA_06-Kitchen_HD23-1_690x345_3
HD23 kitchen by Rossana Design Massimo Castagna; photo Rossana

 

Questo significa senza dubbio maggiore pulizia estetica e notevole funzionalità per la facilissima manutenzione ordinaria.

Ho parlato di ordinaria perché vi è un altro tipo di manutenzione ed è quella straordinaria con la quale si riparano rotture, graffi,ulteriori danneggiamenti e segni dovuti all’uso e al cattivo uso, dopodiché il piano Corian ritorna pressoché nuovo.

Detto questo non ti aspettare che questo materiale sia indistruttibile perché come ho già detto precedentemente al momento non mi risultano piani con queste caratteristiche.

Devi fare attenzione al calore delle pentole, della caffettiera, devi evitare che le pentole sbordino dal piano cottura e non devi versare acqua bollente direttamente sul piano.

Non devi inoltre usare il piano come tagliere o come tavolozza per pittori, come quaderno per i tuoi figli  o come base per esperimenti chimici.

Se non poni la giusta attenzione e cura in breve il piano te lo ritroverai pieno di macchie graffi ed abrasioni ma… potrai sempre ripararlo o farlo riparare rivolgendoti a degli specialisti.

Ulteriori informazioni. Corian è assai versatile e disponibile in numerose varianti di colori( clicca qui per vedere i colori)e forme(clicca qui). Può essere anche personalizzato e plasmato a richiesta, nelle forme volute dal progettista creativo.

karim-rashid25e225802599s-origami-island-kitchen-2
karim-rashid25e225802599s-origami-island-kitchen-2
Cucina di Regba, fiera Casa, 2009, Tel Aviv, progetto di C.B. Chernobilski Group; foto Regba
Cucina di Regba, fiera Casa, 2009, Tel Aviv, progetto di C.B. Chernobilski Group; foto Regba

 

 

 

 

TM_TouchTatoo01_DuPont_Corian_foto_TMItalia_med_218x109
Cucina Black Pepper di TM Italia, decorazione grafica di Nicoletta Bertolissi; foto di TM Itali

 

 

 

 

 

 

Ma quanto costa un piano Corian?

Il prezzo come sempre varia in base a colori spessori e lavorazioni ed è sempre meglio richiedere un preventivo. In ogni caso, non volendoti lasciare a secco di informazioni ti do una cifra orientativa che parte da 500 euro il metro per superare anche i mille euro il metro per top penisola.

Spero che tu stesso ora possa rispondere alla domanda iniziale “Quale top in cucina?” anche perché puoi far dei confronti con vizi e virtù del piano in laminato, del top in marmo o granito e del piano in composto di quarzo.

Se hai ancora dubbi non ti resta che confrontarti con amici e conoscenti o valutare le risposte degli utenti sui forum anche se spesso le esperienze sono molto diverse tra di loro e a volte contrastanti perché noi siamo diversi e la nostra esperienza varia sulla base di gusti ed esigenze del tutto personali.

Un rivenditore serio potrà infine chiarire ulteriori dubbi e mostrarti dal vivo i vari materiali per facilitare la tua scelta.

Al prossimo articolo.

SEI RAGIONI PER COMPRARE DA NOI LA TUA CUCINA

Contattaci per ulteriori informazioni

Tel. 080 432.2960

linea3arredamenti@linea3arredamenti.it

 

Michele De Biase

Lineatre Arredamenti

Alberobello Bari

Michele De Biase presentazione