Pubblicato il

Il lavello in cucina

VOGUE-BINOVA (1)-29

                       Binova

Stai per acquistare una cucina e sei pieno di dubbi.

Quelli riguardanti il lavello, componente importantissimo che crea ansie e  lascia spesso grandi insoddisfazioni, potrai scioglierli leggendo questo articolo.

Altre risposte ad altri quesiti le troverai  nel mio blog nel quale ho scritto decine di articoli sulle cucine, alcuni dei quali  letti da migliaia di utenti  ogni  mese  ( il più letto è  “Sei regole per una cucina perfetta”) .

Mi è capitato di sentire o leggere sui forum frasi di questo tipo:

  • Il mio lavandino in acciaio è tutto macchiato!
  • Le vasche del  lavandino sono poco profonde!
  • Le pentole nel mio lavello non ci entrano!
  • Come cavolo si pulisce il lavandino in acciaio?
  • Come si tolgono le macchie dal lavello in fragranite?
  • Com’è possibile che c’è la ruggine sul lavello nuovo nuovo (appena 10 anni!)
  • Le pentole lasciano un segno nero sulla fragranite!
  • Il mio lavello in resina è pieno di lesioni!
  • Il mio lavello integrato in Corian si è ingiallito!
  • Il bordo del lavello è troppo alto!
  • Il lavello si è sollevato e l’acqua ci passa e mi sta rovinando i mobili!
  • L’acciaio dei lavelli che si usa ora non è più come quello di una volta!
  • Perché il mio lavello si graffia così facilmente?
  • Eccetera Eccetera Eccetera

Davvero potrei citare altre frasi famose ma è bene fermarsi e riflettere ed accettare una triste realtà :

NON ESISTE IL LAVELLO PERFETTO

PUNTO ESCLAMATIVO!

Se accetti questo “dogma” continua nella lettura di questo articolo nel quale cercherò di elencare le tipologie più usate inserendo qua e là qualche consiglio in modo da agevolarti nella scelta e metterti nelle condizioni di acquistare quello più adatto a te.

Innanzitutto bisogna creare una distinzione agevole tra i vari tipi di lavello.

I criteri di differenziazione sono molteplici che sintetizzo in:

DIFFERENZIAZIONE PER MATERIALI UTILIZZATI

Acciaio 37723

 

 

 

 

 

 

 

 

Composti con resina cagliari-lavello-fragranite-bianco

 

 

 

 

 

 

 

 

Ceramicalavello-moderno-ceramica-600x426

 

 

 

 

 

Pietra o granito o quarzolavello-in-muratura

 

 

 

 

 

 

 

Corian e simili Corian-Produkte-Arbeitsflaechen-2-b

 

 

 

 

 

 

Laminato stratificatocache_2455672394

 

 

 

 

DIFFERENZIAZIONE PER TIPOLOGIA DI INSERIMENTO

Appoggio lavello-appoggio-saldato-stainless-steel-sink-alpes-inox-206641-relbb1af8ef

 

 

 

 

 

Accosto39599

 

 

 

 

 

 

 

Incasso sopra pianoinstallare-lavelli-da-incasso_NG2

 

 

 

 

Incasso filotopcache_2444586428

 

 

 

 

Incasso sotto pianoPKX-110-45-contesto

 

 

 

 

 

DIFFERENZIAZIONE PER FORMA

  • Doppia vasca con o senza gocciolatoio
  • Monovasca
  • Vasche rotonde
  • Vasche squadrate
  • Vasche sagomate

Sei ancora qui?

Purtroppo non ci posso fare niente, vi sono migliaia di tipologie e differenziazioni su tutti i prodotti, che si tratti di dentifrici, bevande, materassi, musica o idee politiche e paradossalmente la grande quantità di variabili finisce per paralizzare il consumatore.

Ma continua a seguirmi perché cercherò di semplificare il più possibile e facilitarti la scelta con queste semplici domande :

Perché si ?

Perché no?

Come si pulisce?

Quali varianti ci sono?

Lavelli in acciaio.

Perché si ?

  • L’acciaio è eterno
  • L’acciaio è luminoso
  • L’acciaio è il più igienico
  • L’acciaio è resistente
  • L’acciaio è perfetto nel moderno e in alcuni stili ( es. Industrial)
  • E’ resistente al calore

Perché no?

  • L’acciaio si graffia
  • L’acciaio si macchia
  • L’acciaio si può ossidare

Come si pulisce?

  • Aceto per la pulizia ordinaria
  • Prodotti specifici per la pulizia straordinaria
  • Ridurre l’uso della candeggina e rimuovere sempre i suoi residui
  • Strofinare delicatamente e seguire il verso della lucidatura
  • Evitare l’uso di pagliette metalliche
  • Evitare l’uso di detersivi in polvere

Quali varianti ci sono?

  • Acciaio lucido, satinato, antigraffio
  • Sopratop, filotop, sottotop
  • Vasche tonde e squadrate
  • Mono vasca o doppia vasca
  • Completamente integrato

Lavelli in composto con resina

Perché si ?

  • Sono poco evidenti le macchie d’acqua
  • E’ un’ottima alternativa per chi odia l’acciaio
  • E’ disponibile in vari colori

Perché no?

  • Possono essere porosi ed assorbire liquidi colorati
  • Possono rompersi
  • Possono macchiarsi di nero con lo sfregamento di pentole e tegami

Come si pulisce?

  • Candeggina diluita o alcool per le macchie ostiche
  • Acqua tiepida e detergenti non aggressivi
  • Panno morbido
  • Anticalcare per le macchie di calcare ma con risciacquo immediato
  • Evitare sostanze alcaline, ammoniaca, pagliette metalliche e polveri abrasive

Quali varianti ci sono?

  • Composti di resina con quarzo, metallo e vetro
  • Sopratop e (raro) sottotop
  • Grande assortimento cromatico
  • Tipologia squadrata per soluzioni moderne e arrotondata per il tradizionale

Lavelli in ceramica

Perché si ?

  • Facilissimi da pulire
  • Resistenti alle alte temperature
  • Resistenti ai graffi e agli urti ( nel normale uso quotidiano)
  • Altamente igienici
  • Resistenti a qualsiasi detergente

Perché no?

  • Possono rompersi o scheggiarsi (solo con forti impatti con corpi duri)
  • Hanno un costo elevato

Come si pulisce?

  • Non vi sono particolari suggerimenti vista la grande resistenza

Quali varianti ci sono?

  • Praticamente tutte le varianti di incasso dell’acciaio
  • Disponibile in varie colorazioni (anche se il bianco è bianco!)

Pietra o granito o quarzo

Perché si ?

  • L’unico vero  grande vantaggio è l’impatto estetico unico

Perché no?

  • Costo elevato
  • Peso eccessivo
  • Grande porosità
  • Difficoltà di manutenzione

Come si pulisce?

Quali varianti ci sono?

  • Con Madre Natura è possibile avere anche i monoblocchi scavati
  •  Realizzabili con tutte le pietre esistenti

Corian e simili

Perché si ?

  • Lavello integrato perfettamente nel piano e grande pulizia estetica
  • Facilità nella pulizia
  • Riparabilità

Perché no?

  • Scarsa resistenza alle alte temperature

Come si pulisce?

  • Per la pulizia clicca qui

Quali varianti ci sono?

  • Ampia disponibilità di colorazioni

Laminato stratificato

Perché si?

  • Effetto estetico interessante per la continuità con il piano

Perché no?

  • Difficoltà nella pulizia negli angoli squadrati

Come si pulisce?

  • Detergenti non abrasivi ( Ajax liquido, Baysan liquido, Chanteclair)
  • Non usare assolutamente sostanze abrasive o graffianti (polveri o detergenti abrasivi, pagliette).
  • Non usare lato verde della spugnetta, detergenti o decalcificanti o pulitori per scarichi contenenti acidi o sali fortemente acidi, detergenti per metalli o per il forno.

Quali varianti ci sono?

  • Unicamente vasche squadrate
  • Varie colorazioni tipiche dei laminati

Vi sono anche lavelli in rame, ottone, vetro combinato in acciaio ed ecomalta o ecocemento ma mi è capitato rare volte di venderli per cui mi limiterò a pubblicare qualche immagine

prod_11587_im01 download (1) download (2) prodotti-127755-rela458a3662f7b4486a15e7adc11e76ec3 M03

 

 Ti ricordo che in questo blog vi sono oltre settanta articoli di arredamento.

Il mio obiettivo è quello di dare risposte utili a tutti coloro che stanno per acquistare dei mobili e di farlo in modo chiaro anche se spesso gli argomenti trattati sono molto complessi.

Se hai ancora dei dubbi lascia pure un  un commento.

Michele De Biase

SEI RAGIONI PER COMPRARE DA NOI LA TUA CUCINA

Contattaci per ulteriori informazioni

Tel. 080 432.2960

linea3arredamenti@linea3arredamenti.it

Michele De Biase presentazione

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

15 pensieri su “Il lavello in cucina

  1. Buonasera,
    stò cercando un lavandino monovasca in ceramica ma non riesco a trovare un rivenditore;
    sapreste aiutarmi?
    Grazie

  2. Salve Marco.
    Può darmi qualche altro dettaglio?
    Incasso, accosto, dimensioni?
    Può contattarmi anche direttamente.

  3. Buongiorno,
    grazie mille per l’articolo! Sto a Palermo e sto cercando un lavello in ceramica senza gocciolatoio (vorrei “scolpirlo” nel marmo del top) da semi-incasso (con il lato antistante visibile e il resto filo o sottotop) o tutto filotop. Sa come aiutarmi?
    Grazie!

  4. Buongiorno,
    sto cambiando casa e cucina e ho optato per un top in okite e vorrei inserire un lavello in cristalite con 2 vasche con installazione sottotop su una base da 90 che confinerebbe col muro. Il modello da me scelto (Schock) ha queste misure 838,2 x 469,9 ed è prevista l’installazione sottotop ma il marmista si trova in difficoltà e nonostante i disegni forniti dalla ditta produttrice insiste che non si può montare perchè troppo grande. Dato che non posso cambiare marmista volevo chiederle un parere sul problema e sapere se, secondo lei, posso montare un lavello dello stesso materiale ma x una base da 80 quindi più piccolo. Essendo poi inserito a fine composizione potrei avere problemi legati al peso o alla stabilità?
    Le faccio i complimenti per la chiarezza e l’ironia dei suoi articoli, molto piacevoli da leggere oltrechè interessanti.

    Cordiali saluti

  5. Ciao Rossana, tecnicamente è possibile montare entrambi i lavelli. Non ci sono problemi di peso o di stabilità. Il problema che le ha sollevato il marmista è dovuto al fatto che, essendo a fine composizione e in seguito al foro per il lavello, il top si riduce a pochi centimetri e quindi si indebolisce notevolmente. Il rischio di rottura è molto alto in fase di trasporto e durante l’installazione per diventare quasi nullo dopo un corretto montaggio. In ogni caso le conviene optare per il lavello più piccolo perché oltre a lasciare un bordo più spesso, si allontana anche dal muro facilitandole la pulizia.

  6. Buongiorno Michele, che lei sappia esistono vasche sottotop meno profonde rispetto agli standard 190-200 mm? Avrei necessità di due vasche 400×400 e 400×340 con R15 per sostituire quelle attuali (profonde appunto 200), ma le vorrei meno profonde. Ho fatto qualche ricerca sui siti dei principali produttori ma non ho trovato nulla. Grazie!

  7. Grazie Michele, avevo visto quel modello ma purtroppo ha R60. Il nostro top è in granito con R15 come le vasche attuali, per cui R60 non è compatibile (per lo meno esteticamente). Mi sembra che le vasche di Blanco con raggi piccoli abbiano tutte profondità 190. Le viene in mente qualcos’altro? Grazie ancora!

  8. Salve, mi chiamo Ugo,
    Ho comprato casa e vorrei qualcosa di molto buono, anche dovendo spendere più della media in quanto sono del parere che lo compro una volta e mi tolgo il pensiero godendone i benefici (bellezza estetica, igiene, facilità di pulizia, comodità, ecc.) Per parecchi anni. Avendo spazio, vorrei un doppia vasca, se esistono, profonde con gocciolatoio o, vascone unico, ma sempre profondo e con gocciolatoio.
    Mi hanno parlato molto bene, decantando grandi virtù dei lavelli in fragranite, ma ho letto che non lo hai citato come materiale, come mai? Forse solo per questioni di spazio? Vorrei qualche consiglio a riguardo e anche sulle differenze tra filotop e soprattutto, oltre che dove poterli acquistare, grazie.

  9. Dimenticavo, potresti parlare come per gli altri materiali perché sì, perché no, ecc.
    Ancora grazie.

  10. Ciao Ugo.
    Ho parlato nell’articolo dei lavelli composti con resina e la “fragranite” fa parte di questa categoria.
    Per quanto riguarda il filo top :
    perché si … è decisamente più bello e più facile da pulire;
    perché no… non va bene per chi odia l’acciaio!

  11. In ogni caso, se ti interessa il filo top su lavelli in composto puoi valutare la linea ” One” della Plados.

  12. Salve. Mi interesserebbe sapere la sua opinioni sui lavelli in pietra lavica ceramizzata. Possono essere una alternativa valida?

  13. Salve, non ho esperienza diretta e non posso aiutarla. Se ha maggiori informazioni può inviarle con un commento, possibilmente non anonimo e lo pubblicherò volentieri all’interno dell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.