Pubblicato il

6 regole per una cucina perfetta

Stai per acquistare una cucina ?

 

immagine del modello Maestrale di Scandola
immagine del modello Maestrale di Scandola

 

 

Prima di confermare il tuo acquisto leggi questo articolo e verifica se la tua cucina ha i requisiti di base per lasciarti pienamente soddisfatto.

 

 

PIANI DI LAVORO E PIANI DI APPOGGIO

CONTENIMENTO

DISTANZE

ILLUMINAZIONE

PROSPETTIVA

FUNZIONALITA’

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Piani di lavoro e piani d’appoggio

Il piano, chiamato comunemente top, è l’elemento chiave per una cucina funzionale.

Devi prevederne il più possibile.

La quantità di piano sufficiente cambia a seconda dei casi ma ricorda che i piani servono per lavorarci, per appoggiarci momentaneamente piatti e cibo e per ospitare stabilmente piccoli elettrodomestici.

Tralascio le distinzioni tra i vari materiali (che saranno oggetto di un prossimo articolo) e ti  do alcuni consigli utili per  aumentarne la quantità se non disponi di spazio a sufficienza.

  • Aumentane la profondità. Sembra strano ma con questo piccolo stratagemma
    Piano più profondo
    Piano più profondo

    puoi migliorare di molto la carenza di piano. E’ possibile infatti prevedere profondità maggiori di cm 60 arrivando in casi estremi fino a 90 cm. Dietro il piano cottura ed il lavello ti rimane dello spazio per appoggiare anche pentole e piatti.

  • Prevedi un’ isola o una penisola.Per saperne di più leggi i miei due articoli su La penisola e L’ isola.
  • Inserisci dei piani estraibili.tavolo estraibile Questi piani in genere vengono fuori da una cassettiera ma sono disponibili anche altre soluzioni.
  • Rinuncia alle colonne. Sembra il titolo di un film ma è un semplice invito a preferire il piano rispetto alla colonna forno o a quella del frigo. In pratica se nella zona di lavoro hai poco piano cerca di spostare le colonne altrove. In molti casi è possibile inserirle nello stesso ambiente in altri casi è bene valutare lo spostamento del frigo anche in  ambiente attiguo, magari mascherato in una parete attrezzata. In altri casi è possibile optare per frigoriferi sottopiano ma naturalmente tutto va valutato secondo le tue specifiche esigenze.
  • Riduci il lavello. Se hai la lavastoviglie è preferibile una vasca più grande a due vasche medie. Pensaci bene, con una vasca da 50/60 recuperi 30/40 centimetri di piano e lavi meglio tegami e pentole. Puoi inoltre rinunciare al gocciolatoio integrato al lavello con uno scavato sul piano (solo su marmo o composto).

 

Contenimento

Assicurati di avere a disposizione la giusta quantità di contenitori e fai un piccolo inventario del tuo equipaggiamento. Ricordati che hai bisogno di spazio maggiore per pentolame e coppe che puoi mettere agevolmente nelle basi e nelle colonne che sono più profondi (60 centimetri). Nei pensili (profondi 35 centimetri) in genere si mette il resto.

Non dimenticare la cassettiera per posate e strofinacci e cerca di inserire i cestoni perché sono molto più comodi. I cestoni sono possibili anche nel sottolavello e sono da preferire alle ante tradizionali perché sfruttano lo spazio laterale delle vasche e consentono di posizionare  comode pattumiere, detersivi ed altro.

Attenzione agli angoli. Sono indispensabili per composizioni ad angolo ma spesso risultano scomodi. E’ bene evitare le basi e colonne ad angolo con un piccolo accesso(30 cm o meno). Ritengo molto funzionali le basi ad angolo intere (90×90, 105×105) che hanno oltre ad una grande capacità anche una notevole facilità di accesso. Sono meno propenso all’utilizzo dei “super angoli attrezzati” perché troppo costosi e più scenici che funzionali.

Se hai spazio a disposizione puoi prevedere delle colonne ad angolo che sostituiscono un intero ripostiglio.

Ultimo consiglio prima di passare ai rimedi “salvaspazio” riguarda il taglio dei componenti.

A meno che tu non abbia una cucina enorme, cerca di evitare di frammentare i vari componenti. Insomma evita basi e pensili di piccolo taglio e accorpa il più possibile. Questo è possibile quasi sempre ma serve molta attenzione oltre che esperienza. Il risultato sarà una composizione più gradevole, più contenitiva e anche meno “costosa”.

Se sei in deficit da contenimento ecco alcuni consigli.

  • Sfrutta l’altezza.sovrapensili Lo so che sembra banale e che conosci i pensili alti un metro ma forse non sai che è possibile arrivare a soffitto utilizzando, a partire da una certa altezza, dei sovrapensili profondi cm 60 vale a dire quanto le basi.
  • Aumenta l’altezza delle basi. Questa soluzione è possibile solo con alcune aziende. Non cambia di molto l’altezza del piano ma cambia la dimensione della base che ha tre vani interni anziché due. Per rispettare l’altezza dei 90/92cm vengono ridotti lo zoccolo e lo spessore del piano. In pratica ogni base diventa più capiente del 50%. Geniale no?
  • Prevedi cassetti dove non te l’aspetti. Puoi inserire un cassetto sotto il forno e … sotto le basi al posto dello zoccolo!
  • Dispensa ad angolo.dispensa ad angolo Ne ho già parlato. Una dispensa ad angolo può da sola essere equivalente a tre metri di cucina.
  • Basi più profonde. Alcune aziende prevedono profondità maggiori di cm 60. Naturalmente il vantaggio non si estende alle basi con elettrodomestici.

 

Distanze

Rispetta le giuste distanze. Ti invito a leggere il mio articolo sul “Cucinino” oltre ai due che ti ho già consigliato. In questi articoli trovi i suggerimenti relativi agli spazi minimi per una corretta “viabilità” in cucina.

Aggiungo solo alcuni suggerimenti.

  • Inserisci la lavastoviglie in linea con il lavello. Evita cioè di tenerla alle spalle o troppo distante. Assicurati inoltre che quando la tieni aperta non sia d’intralcio specialmente nel caso del lavello ad angolo.
  • Fa in modo che lavello e piano cottura siano vicini tra loro. Distanziali in modo che vi sia del piano tra questi elementi ma evita di imitare le composizioni che vedi nei cataloghi dove è necessario prendere l’autobus per spostarsi da uno all’altro.
  • Cassettiera vicina al piano cottura. Anziché il forno è preferibile avere a portata di mano posate e mestoli mentre cucini. Se sotto il piano cottura ci metti una base da 90 con due cassetti e un cestone è ancora meglio.
  • Scaletta sotto lo zoccolo.Se hai previsto pensili alti o sovrapensili munisciti di una scaletta. E’ possibile anche inserirla a scomparsa sotto lo zoccolo.
  • Altezza personalizzata. L’altezza del piano può essere personalizzata. La media è cm 90 ma si può abbassare operando sullo zoccolo. Se si abbassa l’altezza del piano si riduce anche la distanza da terra dei pensili, risultando così più facilmente raggiungibili per le persone più basse.
  • Ginnastica. Se non ti va di andare in palestra e vuoi fare un buon esercizio fisico devi semplicemente fare tutto il contrario di quello che è scritto in questo articolo. Calcola però tutto il tempo che perderai e il disagio che arrecherai a te e a chi userà questa cucina.

 

 

Illuminazione

Prevedi innanzitutto la giusta disposizione in base alla luce naturale. Non trascurare la distanza dalla finestra ed evita di tenerla alle spalle della zona operativa.

Se è possibile fa in modo che la finestra sia nel corpo della cucina sotto qualsiasi forma e di qualsiasi misura. Va bene anche nello spazio tra basi e pensili.

A parte la luce naturale è indispensabile illuminare correttamente il piano di lavoro.

Il lampadario o plafoniera che sia, posti al centro della stanza sono oltre che molto tristi davvero poco efficaci. La sospensione che hai previsto per illuminare tutta la stanza usala per illuminare il tavolo posizionandolo alla giusta distanza.

Per il piano invece prevedi le luci sottopensili per tutta la composizione compreso il lavello.

Ce ne sono di varia natura dai vecchi neon ai led in tutte le salse ed anche a costi interessanti.

farettiUn controsoffitto può essere utile per la collocazione di faretti ad incasso in corrispondenza dei contenitori.

 

Prospettiva

Per un buon impatto è importante simulare l’osservazione della cucina vista nel suo insieme, fatta da un punto di vista particolare. In genere questo punto di vista è l’ingresso  ma scegli tu quello più importante.

Ti rimando al capitolo “Prospettiva”del mio articolo di maggior successo

“Le dieci regole per arredare casa”  dove trovi una descrizione completa di questo importantissimo concetto.

In pratica devi poter vedere la cucina nel suo insieme e goderne della vista senza intralci e senza il bisogno di trovare il giusto punto di osservazione.

Evita quindi di posizionare il frigoriferofianco frigo all’ingresso con l’orribile fiancone che ti chiude la visuale e fa in modo che ad un primo sguardo, magari dall’ambiente attiguo o dall’ingresso in cucina, siano visibili gli elementi “forti” e più gradevoli.

 

Funzionalità

 

La funzionalità è molto soggettiva.

Non ci crederai ma quello che è funzionale per alcuni non lo è per altri.

Qualche esempio? L’acciaio come lo trovi?

Ti garantisco che su questo argomento ne ho sentite di cotte e di crude. Per alcuni è fantastico e facile da pulire oltre che eterno, per altri è difficile da smacchiare e “delicato”.

Lo stesso vale per lavelli in resina o fragranite ; per il marmo anziché il composto; laminato contro laccato; pensili alti contro pensili bassi; legno contro truciolare;

eccetera eccetera eccetera.

Non chiedermi quindi cosa è più funzionale perché per risponderti dovrei conoscerti e capire come la pensi e decriptare i tuoi codici.

E’ quello che faccio nel mio lavoro. Prima di parlare della tua cucina io voglio che parli di te in modo da costruirti un abito su misura in tutto e per tutto.

Posso dirti che ci sono alcune regole universali come le proporzioni e le distanze o la corretta illuminazione e di questo ne abbiamo parlato. Ci sono inoltre regole dettate dal buon senso come quella di evitare che vi siano spazi morti difficili da raggiungere e da pulire ( come la pessima abitudine di alcuni nel lasciare piccoli spazi vuoti a fine composizione, ricettacoli di polvere, grasso e batteri).

Per fortuna vi è così ampia scelta che è impossibile non trovare la cucina più funzionale per te…  con l’aiuto di  un buon progettista.

 

In conclusione

 

C’è chi dice “l’unica regola è non avere regole” e c’è chi pensa che le regole non siano mai abbastanza.

In queste “sei regole” ho provato a mettere per iscritto una sintesi della mia esperienza.

In quasi trent’anni di studio e di pratica mi è capitato di osservare in moltissimi casi l’incoscienza di molti clienti che ignoravano o volevano ignorare la possibilità di rendere perfetto il  proprio arredamento.

Spesso indottrinati da “falsi consiglieri” e “sedicenti progettisti” i clienti finiscono per uniformarsi alle mode o peggio rincorrere il miglior prezzo.

Il mio articolo non pretende di esaurire un argomento tanto complesso ma solo quello di dare una sorta di mappa da seguire per evitare errori.

Le regole quindi sono certamente più di sei e forse qualcuna potresti suggerirmela tu.

Se davvero puoi aggiungere qualche suggerimento devi solo lasciare un commento anzi…

lascia un commento!

Michele De Biase

LINEATRE ARREDAMENTI

ALBEROBELLO BARI

SEI RAGIONI PER COMPRARE DA NOI LA TUA CUCINA

Contattaci per ulteriori informazioni

Tel. 080 432.2960

linea3arredamenti@linea3arredamenti.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

73 pensieri su “6 regole per una cucina perfetta

  1. Grazie per tutti questi aiuti tecnici..proprio in questo periodo sto aiutando mia figlia a ristrutturare e arredare casa !!! Consigli onesti !!!

  2. Grazie a te Silvana per aver seguito il mio blog e per i tuoi complimenti. Auguri per tua figlia!

  3. Ho letto tutto……..molto interessante……..competenza……ma non riuscirò mai a venirne fuori……poco spazio…..tanta roba…….
    Consulenza ? Grazie a presto…….franca

  4. Grazie per il commento Franca.
    Mi rendo conto che non è facile diventare esperti dopo aver letto un semplice articolo ma il mio obiettivo, oltre quello di informare, è anche quello di stimolare gli acquirenti a riflettere attentamente prima di fare un acquisto.
    La riflessione ed una maggiore consapevolezza uniti al dialogo con un esperto danno i migliori risultati.
    Se hai ulteriori dubbi prova a contattarmi con una e mail.

  5. Complimenti per l’articolo!! L’ho letto tutto d’un fiato. Sto ristrutturando casa e proprio ieri siamo stati a scegliere la cucina. L’articolo l’ho letto solo ora ma l’ho trovato scritto in maniera chiara e si nota subito la competenza dell’autore. I consigli mi saranno sicuramente utili. Grazie davvero.

  6. Grazie a te Luisa, buon acquisto!

  7. Ottimo articolo, uno dei migliori in rete, grazie per i suggerimenti molto utili se si vuole coniugare funzionalità ed eleganza anche in cucina. Sto ristrutturando e ora, dopo una veloce lettura, sto studiando l’articolo con molta attenzione per non incorrere in errori, molto interessante l’idea di aumentare la profondità della base per sfruttarla meglio, per quanto riguarda la base trovo che il granito sardo sia il più resistente e pratico anche se si perde in eleganza. Grazie!

  8. Ai miei lettori che si complimentano con me, sia all’interno del blog che in privato, non posso che dire grazie.
    Quindi grazie a te Maria per aver letto ed apprezzato questo articolo.
    Ti invito inoltre ad esplorare il mio blog perché troverai tantissimi altri articoli che ti torneranno utili.

  9. Interessantissimo articolo che sottolinea perfettamente alcuni degli errori che ho fatto per la mia cucina ma ormai non la cambierò più, credo. Da un sacco di tempo stavo pensando di sostituire gli zoccoletti con dei cassetti ma non so dove trovarli. Lei sa dirmi se esistono in vendita libera o sono solo a corredo delle cucine che io non comprerò più? Sarebbe la migliore soluzione anche perché gli zoccoletti ormai sono rovinati e dovrei cambiarli. Grazie

  10. Ciao Laura, grazie per aver apprezzato il mio articolo.
    Purtroppo al momento non ci sono soluzioni “confezionate” per contenitori da zoccolo. Dovrebbe rivolgersi ad un falegname o aspettare che qualcuno decida di iniziare un nuovo business producendoli e dopo il suo commento non le nascondo che ci ho fatto un pensierino.

  11. Complimenti per i suoi consigli ! Sono improntati a competenza, senso pratico e chiarezza espositiva. Dato che devo ristrutturare un piccolissimo appartamento, li ho salvati sulla home page del mio cellulare per poterli consultare con calma e ora mi accingo a cercare altri suoi articoli…!

  12. Complimenti per la professionalità.

  13. […] sulle cucine, alcuni dei quali  letti da migliaia di utenti  il mese  ( il più letto è  “Sei regole per una cucina perfetta”) […]

  14. Bell articolo, ho una cucina da 3,30mt x 3,00 la miz indecisione e se portarla sino all ingresso della porta o arrivare a 2 mt, ossia vorrei realizzarla sui 3,30 tutto piano cotura ecc e formare l angolo con piano lavoro forno e frigo ad istallazione libera, la mia indecisione è se fare tutti i 3 mt o fare solo mt 2,5, che dici,?

  15. Tutti i tre metri, senza dubbio.

  16. Ciao! utilissimo articolo… sono andata in 6 negozi diversi per il preventivo di una cucina, e ognuno mi ha fornito dei disegni diversi, prova che la “funzionalità” è una cosa davvero soggettiva!
    Colgo l’occasione per chiedere un consiglio: in una cucina quadrata di 5,40*5,40 è meglio avere una composizione con penisola (cucina a forma di C) oppure “spezzarla” e fare la penisola vicino al forno e dalla parte opposta fare lavello e piano cottura?
    grazie!

  17. Ciao Rosa, grazie per il commento.
    Ho davvero pochi dati per darle una risposta.
    Porta? Finestre? Tavolo? Prospettiva? Stile? Eccetera…
    Una cucina è un abito su misura e per farlo servono moltissime informazioni.
    Potrebbe ad esempio fare una composizione lineare ed un’isola centrale oppure … decine di altre soluzioni. Legga anche http://www.linea3arredamenti.it/una-penisola-in-cucina/ e http://www.linea3arredamenti.it/la-cucina-ad-isola/ e vedrà che potrà decidere da sè.

  18. Salve,ho un problema.devo modificare la mia cucina x adattarla in una nuova casa.ho una parete da 303.la mia cucina è 3mte poi continua con un angolo….non ho considerato il distanziatore x aprire i cassetti . qual’è la misura minima che posso ottenere? Spero di essere stata chiara . saluti

  19. Buongiorno Angela, servono altri dati.
    Mi mandi una mail con una pianta ed un disegno della sua cucina.

  20. Complimenti molto professionale con idee chiare, indice d’esperienza. Come mi piacerebbe averla a casa mia in questo momento!! La mia famiglia negli ultimi anni si è allargata da tre componenti a cinque e la mia cucina o meglio cucinino é diventato troppo piccolo, non ho dove poggiare i piatti prima di servire, tutto disturba sul piano lavoro, bilancia, macchinetta del caffè ecc.. allora io e mio marito abbiamo deciso di cambiarla per renderla più funzionale ed anche perché vogliono!!! La lavastoviglie. Sa darmi un consiglio? Le dimensioni sono
    Una parete senza finestra 2, 70
    Un’altra parete 2, 10 con finestra tutta a destra confinante con la parete da 2, 70
    Ed un’altra a seguire da 1, 70
    ———————————!
    !
    !
    !
    !
    !
    ———————-
    Non so se rendo l’ idea.

  21. Ciao Rosi, non sembra una situazione disperata ma per darle un’idea più chiara ho bisogno della piantina dettagliata di tutta la stanza.
    Grazie per i complimenti.

  22. Grazie per avermi risposto!!
    Mi farebbe tanto piacere ricevere i suoi preziosi consigli, purtroppo non sono una cima con l’elettronica e non so come mandarle una piantina dettagliata, posso provare in questo modo, spero di essere un po’ più chiara di ieri:
    ————————————–
    !! ** !
    !! !
    ! !
    ! !
    ————————– !

    2, 70 su questa parete ho scarico e prese acqua a circa 80cm dall’angolo sinistro (dove ho fatto gli asterisco)
    2, 10 dove ho messo il punto esclamativo doppio rappresenta la finestra
    1, 70 a seguire ingresso con porta a scrigno da 90 cm
    2, 30 dove accanto all’ingresso c’è il termosifone
    Se riuscisse a consigliarmi nonostante la mia poca chiarezza le sarei grata, altrimenti la ringrazio comunque tantissimo per la sua disponibilità.
    L’impressione che ho di lei nonostante non la conosca è che ama immensamente il suo lavoro ed è una cosa bellissima, grazie e spero di sentirla presto

  23. —————————————
    !! ^^ !
    !! !
    ! !
    ! !
    ————————— !

  24. Scusi ma non riesco nel mio intento, io disegno una cosa e il sistema scrittura lo modifica, se riesce a seguirmi bene altrimenti la ringrazio in anticipo

  25. Che articolo interessantissimo!
    Anch io sono molto indecisa sulla cucina da realizzare! Vorrei tanto la penisola, ma in una cucina di 4 mt X 2.70 come le sembra? Spero tanto ci sia qualche soluzione!

  26. Grazie Antonella.
    Ti invito a leggere questo articolo che tratta l’argomento “penisola” approfonditamente: http://www.linea3arredamenti.it/una-penisola-in-cucina/
    Se hai ancora dubbi inviami una piantina dettagliata.

  27. Salve, la ringrazio, ieri avevo già letto anche questo articolo ma nn mi ha chiarito le idee.. Come le posso inviare la piantina?

  28. Mi invii una pianta con le quote per posta al seguente indirizzo:
    linea3arredamenti@linea3arredamenti.it

  29. L’email l ho inviata spero sia arrivata, grazie ancora per la disponibilità

  30. Ciao Antonella, ritengo che non ci siano grandi difficoltà.
    In ogni caso, dovendo dare priorità alla penisola, ecco una soluzione interessante

  31. Che bello vedere la sua risposta!:)
    Secondo lei, volendo utilizzare uno stile moderno, me la consiglierebbe la penisola? Perché ho paura che la penisola risulti comoda per abbondanza di piani d’appoggio, ma che risulti scomoda per via dei pochi pensili che andrei a mettere nella parete più lunga! Cosa mi consiglierebbe?

  32. Una penisola rende qualsiasi cucina più interessante anche se a volte ci toglie qualcosa.
    Nel suo caso non mi sembra ci siano grandi rinunce, soprattutto se parliamo di pensili.
    Fosse casa mia la farei senz’altro.

  33. D’accordissimo con lei! Grazie mille per il suo consiglio interessante!spero vivamente di realizzarla!

  34. Buonasera, capitata per caso su questo sito ed e’ risultato prezioso per me, complimenti anche io ho ereditato una cucina poco pratica dal precedente propietario del mio appartamento , a breve la devo cambiare e proprio non sapevo dove mettermi le mani! le posso inviare la piantina per dargli un’occhiata .
    Complimenti ancora!

  35. Buonasera Romana, grazie per i complimenti.
    Provi ad inviare una pianta direttamente nello spazio “commenti” oppure la invii a questo indirizzo:
    linea3arredamenti@linea3arredamenti.it specificando che è una mia lettrice. Le risponderò appena mi sarà possibile.

  36. Grazie signor de biase ho inviato la piantina sulla mail linea3arredamenti@linea3arredamenti.it.speriamo vada bene grazie ancora

  37. Buongiorno Romana,
    ho ricevuto la sua mail e la pianta va bene.
    Mancano però molte altre informazioni importanti:
    posizione di scarichi, prese elettriche, rivestimento e altri vincoli di natura tecnica.
    Mancano inoltre le sue aspettative di cucina, le sue esigenze e i suoi desideri ( lavastoviglie? lavello una o più vasche? forno alto o forno basso? , frigo libero o incassato? ecc…).
    Senza queste informazioni rischiamo di fare inutile accademia.

  38. Buonasera si vede che non ci capisco niente però so di cosa ho bisogno,chiedo venia.
    L’attacco del gas è a 80 cm dalla porta finestra a seguire c’è l’acqua(gas e acqua li ho indicati nella piantina);sulla stessa parete ci sono le prese di corrente a circa 170 cm dalla porta finestra.
    lavastoviglie si;lavandino ad un pozzetto con scivolo;forno no a colonna;frigo già di proprietà di 60 cm;si alla dispensa ad angolo(mi piacerebbe).
    Le pareti sono tutte rivestite con maioliche con altezza 150 cm;altra presa di corrente sulla parete opposta nell’angolo della porta finestra.
    No penisole;se si riesce a ricavare una sistemazione per il microonde.
    Mi piacerebbero i fornelli ad almeno 45 cm dalla parete di fondo perché ora come ora li ho attaccati al muro ed è molto scomodo.
    Grazie ancora per la disponibilità,mi scuso ancora!

  39. Aggiunta:mi piace l’idea del piano estraibile e dei cassetti sotto ai fornelli.

  40. Get.mo Sig. De Biase. In questi giorni sto impazzendo, perché non riesco a progettare la mia nuova cucina. Mi è stato fatto un progetto, ma non mi piace. Ora ho una cucina con penisola e vorrei cambiare con una cucina a elle. Ma non so se faccio la cosa giusta, essendo abituata alla penisola….Osservo il progetto che mi hanno proposto, ma mi sembra un armadio…Tutti i pensili uniti…Insomma vorrei un po’ di movimento per capirci. Vorrei inviarle le foto del progetto che mi è stato fatto e se possibile un suo giudizio e suggerimento, sia sulla disposizione dei pensili, sia sul colore ( vedi pavimento)… Le linee a matita sui pensili bianchi, le ho disegnate io, per modificarla un po’….Attendo con ansia una sua risposta, sempre se disponibile. Grazie. Cordiali saluti. Mirella Martini

    Allegato

  41. Buongiorno Romana, le ho inviato privatamente dei disegni.
    Ci faccia sapere come va.

  42. Buongiorno Mirella, sinceramente mi sembra un buon progetto.
    Probabilmente non le piace perché è abituata alla penisola.
    Le chiedo quindi perché ha deciso di rinunciare alla penisola se le piace tanto?

  43. Buonasera Sig. De Biase,
    ero proprio alla ricerca di un professionista del settore per chiedere qualche consiglio a proposito della disposizione della mia cucina. Tre anni fa l’avevamo acquistata con tanto piacere ed io stessa ne avevo deciso la disposizione (pur dovendomi adattare all’impianto che c’era), mi piaceva tantissimo e ne andavo fiera. Ora ci siamo trasferiti, le misure dell’altezza sono cambiate, abbiamo fatto qualche modifica all’arredamento, ma proprio non ci siamo. Ho bisogno d’aiuto, seriamente. Lei avrebbe problemi se Le mandassi delle foto di come era e come è ora la cucina e Le chiedessi dei suggerimenti?

  44. Buongiorno Laura
    la vorrei aiutare ma mi creda, mi arrivano richieste di consulenza ( a pagamento o a titolo gratuito)da tutta l’Italia e sono costretto a rifiutare perché mi manca il tempo necessario.
    Le consiglio di rivolgersi al suo rivenditore di fiducia che sicuramente le darà il giusto supporto.

  45. Buongiorno,

    intanto grazie per l’articolo che è molto interessante.
    Sono una neofita in fatto di organizzazione della cucina e sono andata molto in confusione di fronte a diverse soluzioni che mi sono state proposte.
    Ho una parete di 4,50mt su cui ci sono gli scarichi acqua e gas che ha però una finestra centrale a 85 cm da terra.
    Inizialmente avevo pensato a una cucina lineare con un piano unico per tutta la lunghezza, con eventualmente 3 colonne separate (o una colonna frigo + 2 mezze colonne) sulla parete laterale dx (ho due porte finestre che si aprono su entrambi i lati a 60cm dalla parete con gli scarichi, quindi non posso pensare a piani più profondi, che sarebbero invece molto interessanti); poi in nome della funzionalità, e per risparmiare camminate inutili in giro per la stanza, mi hanno proposto una penisola a C che parte dal centro della parete e permette di ampliare lo spazio di lavoro e contenere lo spazio di manovra.
    L’idea mi intriga molto, ma questo implica posizionare i fuochi sull’angolo, e ho delle perplessità.
    Sulla carta l’idea è bellla, però temo che chiudermi in una C alla lunga vanifichi l’idea di avere tutto a portata di mano, perchè dovrei circumnavigare l’ingombro per andare nelle zone più laterali.
    Temo, non avendo esperienza, di farmi convincere dalll’idea di funzionalità di altri….

    Mi scusi per il papiro… che ne pensa?

    Elisa

  46. Ciao Elisa, potresti utilizzare una soluzione a binario più o meno simile a questa
    sol. a binario
    Grazie per il commento

  47. Complimenti per la professionalità e la passione con cui ha scritto questo articolo, ma soprattutto, risponde ad ogni commento!
    Non volendo rubarLe del tempo (che al giorno d’oggi è prezioso) Le chiedo solo un parere: piano cottura sotto finestra sì o no?
    Ho ricevuto pareri molto scostanti e anche io, nella mia ingenuità, (prima casa da arredare), non so se vincono i pro o i contro.
    Sarei curiosa quindi di ricevere il parere di un esperto come Lei.
    La ringrazio intanto per la Sua dedizione!

  48. Buongiorno Ylenia, grazie per i suoi complimenti.
    Piano cottura sotto finestra?
    Perché no! Con i giusti accorgimenti si può fare.
    Aspirazione a soffitto, giusta altezza, aperture corrette e opportune distanze.
    Qualche effetto collaterale ( vapore, vento ecc..) possono essere accettati se il risultato è suggestivo o se non vi sono alternative.
    Grazie ancora

  49. Salve Dott. De Biase,

    ho avuto il piacere di leggere alcuni dei Suoi articoli e devo farLe davvero i miei complimenti, molto professionale e chiaro.
    Mi permetto di chiederLe un consiglio se possibile:io e il mio futuro marito stiamo sistemando casa in cui è prevista una cucina grande che già sulla carta adoro. Mi rimane però un dubbio:piano cottura unico con forno (sotto) anche di 80cm di larghezza (cucina Lofra per intenderci) o incassato nel marmo ma con forno standard a parte a colonna (che mi consigliano in molti)? Lo spazio c’è dunque non è quello il problema, nel secondo caso non sarei costretta a sacrificare piani d’appoggio (anche perché è prevista una penisola) mentre nel primo caso avrei decisamente un forno più grande. So che è anche una questione di gusto personale ma vorrei capire quale delle due opzioni in teoria possa risultare più ”funzionale”…

    Un saluto
    Emanuela

  50. Ciao Emanuela,
    il blocco cottura in appoggio oltre a dare alla cucina un aspetto di tipo “professionale” lo si può certamente trovare più performante (un po’ come per i frigoriferi).
    Qualcuno lo trova però più difficile da pulire, preferendo di gran lunga la soluzione con piano unico.
    La scelta è davvero molto soggettiva.
    Le statistiche di vendita al momento dicono che il piano cottura ad incasso è di gran lunga il preferito dagli italiani.
    Nel resto del mondo pare sia il contrario.
    Grazie per il tuo commento e per gli apprezzamenti.

  51. Grazie infinite per la risposta, mi è stato davvero di aiuto, credo che opteremo per la soluzione piano cottura e forno tutto in uno, quindi forno più grande!

    Un saluto a presto
    Emanuela

  52. Ciao Emanuela e buona scelta!
    p.s.
    dà un’occhiata alla ditta Steel Cucine

  53. Salve mi ritrovo qui in questo sito per caso alla ricerca di qualche consiglio.In poche parole ho un dubbio su una colonna frigo che a causa della parete che ha una colonnina che fuoriesce, mi tocca spostare la colonna frigo di 3/4cm rispetto al resto della cucina .mi chiedevo se esteticamente andava bene oppure no ?!non so se mi sono fatta capire la ringrazio in anticipo e aspetto un vostro consiglio

  54. Questa è la mia cucina solo che manca la mia modifica che dovrei fare cioè l’ultima colonna frigo spostarla più avanti rispetto al resto della cucina

    Allegato

  55. Ciao Patty, purtroppo l’immagine non è chiara.
    In ogni caso ritengo che i tre centimetri non costituiscano un grosso problema, a patto che no si creino vuoti e situazioni poco pulite.
    Per evitare le sporgenze a volte si può aumentare la profondità del piano, ma non so se questo può andare bene nel suo caso.

  56. Vorrei tanto che fossi qui. ..voglio modificare la mia cucina senza cambiare tutto (per un fattore economico )

  57. Ciao Claudia, grazie per il commento.
    Prova a descrivere cosa vuoi cambiare della tua cucina

  58. […] sulle cucine, alcuni dei quali  letti da migliaia di utenti  ogni  mese  ( il più letto è  “Sei regole per una cucina perfetta”) […]

  59. Buon giorno, sto acquistando una nuova cucina e tutti gli arredatori mi hanno proposto la soluzione dei pensili classici altri 72 e per tutta lo sviluppo della cucina. Io invece vorrei creare del movimento con i pensili ma non ho molte idee…
    Le larghezze (da sx a dx) dei pensili inseriti in progetto per rispettare le linearità con le basi sottostanti sono :
    60-15-90-60-90-60 … Come detto ovviamente me li hanno proposti tutti alti uguali (72cm)
    Mi darebbe qualche idea??

  60. Ciao Roberto, servono altri dettagli… cucina classica? moderna? cappa? scolapiatti? Fino a che altezza c’è il rivestimento? ecc…

  61. Io sono Miranda e mi servirebbe un suo consiglio su come disporre la mia cucina
    Al momento non c’è nessun attacco , solo lo scarico per l’acqua ma non vincolante
    devo fare Tutto ma non so come disporre il tutto, ho letto i suoi articoli e li trovo
    Molto interessanti , utili e appropriati riesce a darmi un’idea di come fare , le misure
    Sono 4 metri x 3,60 x 2,40 l’entrata da 1,60 la lascio aperta, mi sono permessa di inviarle una composizione che mi hanno fatto alla sua mail e vorrei Per cortesia se possibile un suo parere e eventuali variazioni Mi sembra poco lo spazio per le sedie .
    Grazie e Ciao Miranda

    Inviato da iPad

  62. Ciao Miranda, mi dispiace ma non ho ricevuto nessuna e mail

  63. Ho appena reinvitato a linea3arredamenti
    Grazie per il suo parere e per tutte le notizie e informazioni
    Che da
    Ciao Miranda

  64. Complimenti per il bellissimo articolo e le informazioni utili. Le vorrei chiedere un consiglio per quanto riguarda la disposizione di una cucina (le invio in allegato la piantina, mi scuso se è un pò pasticciata ). L’ idea è di creare una cucina ad u in un ambiente aperto sulle due pareti da 280cm e 300cm e con penisola che si affaccia su sala da pranzo/soggiorno. La ringrazio in anticipo per la cortese disponibilità.
    Salvatore

    Allegato

  65. Ciao Salvatore, grazie per i complimenti. Come consiglio le posso dire che è una buona idea.

  66. Buongiorno Sig. De Biase,
    Innanzitutto complimenti per il suo blog, l’ho trovato interessantissimo.
    Inoltre volevo chiederle se inviandole una mail con una piantina, potesse aiutarmi con qualche idea per arredare la parte del piano cottura con soggiorno. in quanto siamo interessati all’acquisto di questa casa, ma non riusciamo a venirne fuori con le nostre idee per poterla gestire al meglio con gli spazi.
    Io le invio la mail con la pianta e le sue metrature, se fosse possibile attenderò un suo riscontro.
    Grazie
    Maria Paola

  67. Grazie Maria Paola per il commento.
    Purtroppo in questo periodo ho difficoltà anche a rispondere ai commenti perché ho davvero poco tempo a disposizione.
    Grazie ancora

  68. Buon giorno signor De Biase x favore mi aiuti con questo enigma che mi ossessiona cosa posso inserire accanto alla cappa in modo che la cucina nn sembri vuota

  69. Simona non posso risponderti se non mi mandi almeno un’immagine!

  70. Buonasera,
    Sto progettando la mia prima cucina e sono rimasta colpita da questo articolo e da tutti i commenti a cui risponde così gentilmente… Complimenti!
    Io mi sono fatta un’idea di come vorrei la cucina e mi sono fatta fare delle proposte basate sui miei desideri, ma dopo aver letto le sue “regole” sarei curiosa di sapere la sua visione della mia cucina…
    Provo a mandarle le misure, se ha tempo mi faccia sapere.
    Grazie e ancora complimenti

  71. Buonasera Stefania, grazie per il suo commento.
    Ho ricevuto la sua mail e in realtà quello che mi chiede è un vero e proprio progetto e questo fa parte del mio lavoro.
    Il mio blog conta oltre un milione di visite l’anno e purtroppo anche volendo, non riuscirei a rispondere a tutti gratuitamente in modo approfondito.
    Se vuole la mia consulenza può contattarmi ai numeri che trova nella pagina web.
    Grazie ancora e continui a seguermi

  72. Ok grazie

Rispondi